sabato 7 aprile 2018

Ce l'ho fatta! Sono a casa :-)

Tre notti quasi senza dormire, 15 ore in macchina il primo giorno e 11 il secondo, un ponte attraversato, due navi prese e circa 2300 km alla guida. Ragazzi ce l'ho fatta, sono a Maiorca!

Vi ricordate, avevo scritto qui che avevo un piano. Beh quel piano l'ho cambiato un pochino ed è stato per raggiungere l'obiettivo :-).

Il 3 aprile, il giorno prima della partenza, quel giorno quando avevamo una marea di cose da fare era cominciato con una nevicata tremenda, non prometteva bene. Il mio bello era andato al punto verde per buttare una macchina piena di cose, ok la macchina non l'ha buttata :-) ed io avevo preparato quelle che dovevamo lasciare all'associazione di beneficenza. Torna e andiamo in città, facciamo tutto quello che dobbiamo fare. Incontriamo la ragazza dell'agenzia, lasciamo le ultime chiavi tranne una e ci assicuriamo che domani andrà tutto bene. Voglio dire, alla firma definitiva noi non ci saremo, il mio bello starà già a Maiorca e io starò guidando. Abbiamo lasciato la delega alla ragazza dell'agenzia e sarà lei ad occuparsi di farci avere i soldi :-).

Andiamo al museo di Kristianstad a prendere gli ultmi tre cappellini rimasti, quelli che non hanno venduto, e che porterò con me a Maiorca. Mangiamo un pranzo in città e poi torniamo a casa.

Cominciamo a caricare la macchina e qui decidiamo in un piccolo cambiamento di piano. La carichiamo tutta. Il mio bello arriverà in città con l'autobus. Finiamo di pulire e alle 18.00 incontriamo i nuovi proprietari. Poi l'attesa.

Alle 23.00 usciamo di casa, aiuto il mio bello a portare la bici inscatolata alla fermata dell'autobus. Gli ultimi 800 metri insieme in Svezia.

Il mio bello sull'autobus che lo porta in città, qui l'ultimo nostro attimo insieme in Svezia!
Torno a casa, sistemo in macchina le ultime cose e poi mi distendo sul divano, si è fatta quasi l'una di notte. Dormo poco e niente, alle 4.45 mi alzo, il mio bello mi chiama alle 5 per assicurarsi che sia sveglia, dopo meno di un'ora parto. Arrivo a Rödby in anticipo e mi fanno salire sulla nave delle 8.45, il viaggio comincia bene. "La Germania è lunga e si va veloce", avevo scritto da qualche parte su Nel sud del nord ora scriverei la Germania è lunga e si va veloce quando non ci sono code :-). E io di code ne ho beccate un bel po'. Tutto è filato liscio fino a Kassel, poi sono cominciati i rallentamenti e di tempo ce ne ho messo prima di riuscire ad arrivare in Francia. Arrivo in albergo tardi. Sotto un diluvio scrosciante. La ricezione era ormai chiusa ma sono riuscita a fare il check-in in una macchinetta infernale. Il mio piano era di cenare in albergo, ma ero arrivata troppo tardi, non è stato possibile. Dopo 15 ore in macchina, distrutta, vado a letto affamata!

Avevo scritto che avrei dormito felice. Sicuramente l'ho fatto ma quello che ricordo è stata la fame e il dolore al tallone e alla gamba destra...maledetti rallentamenti! Quando la sveglia alle 6.10 ha suonato mi sembrava di aver dormito solo mezz'ora! Non era possibile che fossero già le 6.10!

Scendo nella speranza di fare colazione, ma niente. Non era inclusa. Non parlavano inglese e i miei tre anni di francese alle scuole medie erano dimenticati. Voglio dire, io in Francia non ci sono andata da anni e anni e il francese non è una lingua che ho conservato. Ho cercato di spiegare che avrei pagato ma non è andata. Mi sono messa in macchina ancora più affamata della sera precedente, nel portaoggetti della portiera trovo una mela, l'azzanno e parto!

È qui in Francia che si va veloci, poco traffico e niente code. La fame mi passa e io continuo a guidare. Mi fermo verso le 13. Un giorno con una mela ed è ora di pranzare. Poco prima delle 18 sono al porto di Barcellona. Metto la macchina al parcheggio e aspetto fino alle 20 ora in cui mi avevano detto avrei dovuto mettermi in coda.

In attesa di imbarcarmi
Alle 20.30 iniziano a farci salire a bordo. Io con la macchina stracarica avevo pregato solo che non mi facessero fare il parcheggio in retromarca.

Così ho viaggiato :-)
Scendo al primo piano e mentre la maggior parte delle macchine le fanno fermare lì a me fanno cenno di continuare verso il piano inferiore. Chiedo al ragazzo "perché? non posso restare qui?" si mette a ridere, aveva visto la macchina piena, e mi dice, "non dipende da me, mi hanno detto che devi scendere". Con un bel po' di manovre cerco di prendere senza strusciare la macchina il piccolo "buco" che portava sotto. Devo averci messo un bel po' perché il ragazzo del piano di sotto si è affacciato per vedere se stavo arrivando o no. Mi fa cenno di girare ed io pensavo "nooo la retromarcia no, nooooo!" e mi va bene :-) faccio una curva larga, un po' di manovre e mi metto dietro ad un'altra macchina. Freno a mano, spengo la macchina e la chiudo. È fatta! Sono in nave!

Inizia la traversata, terza notte con poco sonno. Ci chiamano/svegliano (per chi è riuscito a dormire) alle 3.30. La nave attracca un po' in ritardo, riesco a portare fuori la macchina senza una strusciata :-) e sono sull'isola!

Finalmente ieri poco prima delle 5 del mattino ero sotto casa.

Aspettando che il mio bello venisse a darmi una mano ;-)
50 minuti dopo avevamo scaricato tutta la macchina. La mia vita a Mallorca poteva cominciare!

Finalmente a casa!

20 commenti:

  1. Quante emozioni. Meraviglia 😉😉😉

    RispondiElimina
  2. Che bello sapere che è andato tutto bene.
    Buone cose
    Chiara

    RispondiElimina
  3. Molto coraggiosa a fare il viaggio sola, auguri di una nuova vita, ciao

    RispondiElimina
  4. ...tutto è bene, quel che finisce bene! E a quest'ora....avrai già fatto una buona colazione e un buon pranzo.....al sole! Ben-arrivata a Mallorca! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, ieri a quell'ora...eravamo fuori in bici :-).

      Elimina
  5. Ce l hai fatta...complimenti per il viaggio in auto tutta sola...le manovre sulla nave...e sopportare la fame...ora a casa...evviva!!!

    RispondiElimina
  6. BRAVA!!! Bella esperienza, questa del viaggio, la tua!!!
    Ed ora, la nuova vita... tutta da vivere, al sole maiorchino, che tanto hai/avete desiderato!!!
    (¡¡¡Crema solare!!!) (((-:
    Buon futuro!!! (-: Ili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La crema solare ci vuole proprio!

      Elimina
  7. Complimenti e bravissima. Ti leggo da un po' ma non avevo mai commentato. Grandiosa! Buon inizio a Mallorca e buona vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Clara e piacere di fare la tua conoscenza!

      Elimina
  8. Buona fortuna Oriana a te e al tuo bello,te l'ho augurata tante volte e averne tanta non fa mai male.Sai forse anch'io riesco a comprare una casa in un altra città e più in là cambiare abitudini e vita.Chi lo sa se riusciamo nel progetto.Un grande abbraccio a voi temerari.ps intendo per il viaggio :) Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Valentina, tengo le dita incrociate per te! Spero il vostro progetto vada bene. Un abbraccio!

      Elimina
  9. Che travaglio il tuo viaggio!!! Ma direi che ne è valsa la pena! Scorgo nell'ultima foto un angolo di terrazzo (o balcone) che non vede l'ora di essere riempito di vasi di bellissime piante grasse!!! Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di terrazze ne abbiamo due. Ho letto nel tuo penultimo post che hai sistemato tre balconi, qui avresti da sbizzarrirti. Sì, mi sa tanto che devo investire in un po' di piante grasse.

      Elimina
  10. Grande Oriana! Ben arrivata nella tua nuova casa, nella tua nuova vita! Che bello :):)

    RispondiElimina

Happy to read from you :-)