martedì 10 aprile 2018

El Puig Tomir

Quando ancora scrivevo su Nel sud del nord (cioè fino a pochi giorni fa :-)) avevo scritto qui che voglio fare tutti i 1000 di Maiorca.

Ce ne sono 54 (più o meno) che hanno un nome e finora ne ho fatti tre! Uno domenica appena passata: el Puig Tomir, 1104 m slm.

Come alcune volte accade, una cima si può attaccare da più parti. Noi abbiamo deciso di lasciare la macchina al punto giallo nella carta qua sotto e abbiamo fatto il giro in senso orario.

Trekking del Puig Tomir
Partendo dal punto giallo abbiamo fatto il giro in senso orario
La prima parte è alla portata di tutti perché segue il cammino GR 221 (famoso percorso di trekking qui a Maiorca), la cosa invece si fa difficile quando devi lasciare il GR 221 e riuscire a trovare un sentierino non segnato che si arrampica sul versante.

Verso el Puig Tomir, GR 221 Mallorca
Ancora sul GR 221 e ancora in bosco
Noi l'inizio di questo sentierino non segnato non l'abbiamo trovato e così senza farci tanti problemi ci siamo arrampicati sul versante, sapevamo che salire si doveva salire e che prima o poi avremmo incrociato questo sentierino invisibile :-). E infatti dopo un po' vediamo il primo di una serie di omini, quei montarozzi di sassi che qualcuno ha "costruito" e che fanno sì che si possa vedere la direzione da tenere. Omino dopo omino riusciamo a seguire il sentiero che si faceva sempre più visibile.

Proseguiamo senza molta difficoltà, il percorso è sassoso e ripido ma noi ce la caviamo bene :-).

Vista durate la salita verso il Puig Tomir
Vista durante la salita
Verso el Puig Tomir, Mallorca
Saliamo e saliamo
Poi arriviamo ad un punto dove non riusciamo più a vedere bene il sentiero e ci sembra che non ci sia possibilità di proseguire se non arrampicandoci sulla parete (free climbing??). Dal nulla vediamo comparire due persone che stanno scendendo, si fermano e ci indicano una fessura nella parete, lì dovete salire, ci dicono. Ci informano che siamo arrivati al passaggio difficile, siamo al Pas del Diable (che potete vedere sulla carta). A picco sullo strapiombo decido di non guardare giù e proseguire in su. 'Sto diavolo è solo da affrontare! Lo passo e si prosegue più tranquillamente.

Verso el Pas del Diable
Verso el Pas del Diable


Il tempo è così così, vento e fresco, soprattutto quando si sale, ma sudo e senza sole si sta bene:-).

Verso el Puig Tomir
Quasi in cima
Arrivati in cima faccio la foto di rito con il pilone e senza sostare poi tanto iniziamo a scendere.

In cima al Puig Tomir
In cima al Puig Tomir
La discesa prevede 3/4 passaggi che richiedono un po' di attenzione. Due di loro hanno le catene che aiutano a scendere (nel nostro caso) o salire, altri due tratti sono molto ripidi e sassosi.

Scendendo dal Puig Tomir
Scendiamo (sulla carta indicata come ferrata con pallino nero con catena)

Scendendo dal Puig Tomir
Ripido e sassoso
Ci abbiamo messo 4 ore fermandoci solo per la foto in cima. Lì faceva freddo e tirava un vento tremendo per cui abbiamo deciso di scendere direttamemte. Con noi avevamo due banane, due mandarini e una baguette che abbiamo diviso in due. Abbiamo mangiato durante la discesa, camminando. Una borraccia da 750 ml è bastata e avanzata.
Un trekking bellissimo! Fatemi camminare e io sono felice :-)

Il giorno dopo e ancora oggi ho male alle cosce :-). Questa sì che è vita!!

2 commenti:

  1. Eccoti qui! Che bello ricominciare in un posto così! Sembrano le mie montagne e ti seguirò anche qui con piacere :-) baci

    RispondiElimina

Happy to read from you :-)