giovedì 12 aprile 2018

Riassunto del giovedi - settimana 1

La mia prima settimana a Maiorca è passata!

Sono arrivata venerdi mattina presto e durante i due giorni di viaggio una delle cose più frequenti che ho pensato è che dopo aver scaricato la macchina mi sarei messa a dormire e avrei dormito tutto il giorno. Beh, non è successo! Abbiamo scaricato la macchina e dal momento che mi sentivo pimpante e piena di forze abbiamo iniziato a mettere a posto. Perché un trasloco non finisce quando uno arriva nella nuova casa! Il lavoro per mettere a posto le cose è impegnativo come o addirittura di più di quello per inscatolarle e dopo una settimana ancora stiamo con gli scatoloni. Una cosa abbiamo capito, abbiamo portato troppo e lo spazio non basta!

Il fatto di non riposare appena arrivata non è stata una buona scelta. Mi sono sentita strana e stanca tutta la settimana e probabilmente perché, come sempre, non mi sono fermata un attimo.

Sabato sotto un sole splendente e dei colori fantastici (ricordatevi che arrivavo dalla grigia Svezia :-)) siamo usciti per un allenamento in bici che poi ho sentito tutto il giorno dopo.

Durante il giro in bici
Domenica mattina sono stata al mercato settimanale e trovato un banco di frutta e verdura bio :-), l'unico del mercato e speriamo vengano ogni domenica! Ho comprato anche le prime piante per le terrazze. Nel pomeriggio ci siamo dati al trekking e con quattro ore di camminata abbiamo raggiunto la terza cima più alta di Maiorca, Puig Tomir, 1104 m slm.

Verdura BIO dal mercato
Quando si cambia paese le cose pratiche da risolvere sono tante e noi ci siamo messi subito in moto. Lunedi mattina siamo passati al PAC che corrisponde alla ASL italiana per capire a che punto siamo con la copertura sanitaria. Già in Svezia avevamo cercato di capire come dovevamo fare e quello che ci avevano detto era di compilare dei moduli per richiedere di trasferire la copertura sanitaria in Spagna. Lo abbiamo fatto ma, come succede spesso, le cose non vanno veloci e al PAC ce lo hanno confermato, non siamo ancora nel loro sistema ma dato che eravamo andati lì ci hanno assegnato comunque un medico, ecco questo non ho capito che vuol dire, posso andare dal medico o no? Boh! Siamo poi andati a Port de Pollenca dove c'è l'agenzia della "nostra" banca (dove parlano inglese) e abbiamo consegnato i documenti che mostrano che abitiamo a Maiorca. Tramite la banca possiamo fare un'assicurazione sanitaria privata e stiamo valutando se sia il caso di farla o meno. Di ritorno verso casa ci fermiamo ad un vivaio per comprare la terra e da lì mi porto a casa anche una lavanda, un rosmarino e una pianta fiorita che non ho nessuna idea di come si chiami. Nel pomeriggio sono uscita per un allenamento in bici insieme al mio bello e lì ho capito che ero veramente stanca, dopo un'ora e mezza il mio bello mi ha mollata e continuato da solo che io andavo troppo lenta :-( questo dice tutto!

Qui il mio bello mi ha mollata :-(, meno male che splendeva il sole :-)
La sera vado alla biblioteca, mi faccio fare la tessera e prendo in prestito due libri nella sezione giovani :-). Ho 20 giorni di tempo per leggerli, missione impossibile ma il mio spagnolo diventerà meglio di quello che è ora, lo so!

20 giorni per leggerli, missione impossibile!
Martedi mattina, carichi di energia decidiamo di affrontare la "sanità svedese" telefoniamo in Svezia e chiediamo a che punto siano le nostre pratiche. Ci informano che non hanno neanche cominciato a guardarle, con gentilezza li preghiamo di accelerare i tempi dal momento che i contributi li paghiamo e in questo momento non abbiamo una copertura né in Svezia né in Spagna! Intanto l'ufficio svedese delle tasse ci ha contattato e richiesto documenti che dimostrano che abbiamo lasciato la Svezia e le nostre due banche in Svezia pure. Ci siamo messi in moto e stampato tutti i documenti richiesti.

Poi siamo partiti alla volta di Ses Salines, al lato sud dell'isola. Lì c'è un'officina che ripara i telai delle biciclette e abbiamo portato quello del mio bello, quello che si era rotto con l'incidente in bicicletta del 26 dicembre 2017. Siamo andati lì in macchina poi io (che sono stanca :-)) ho riportato la macchina a casa e il mio bello è tornato in bici (abbiamo sette bici qui a Maiorca :-) per cui anche se se ne rompe una ne abbiamo sempre altre a disposizione). In questo periodo l'isola è piena di ciclisti, più o meno capaci e allenati, e dopo aver guidato la macchina in queste strade strette e incontrato gruppi di loro mi sono convinta che una gran parte dei ciclisti è incompetente, un'altra stupida e  poi c'è la parte dei folli...speriamo io non sia in nessuno di questi gruppi :-).

Tornando in macchina da Ses Salines
Mercoledi mi sono svegliata allo scrosciare della pioggia. In realtà l'avevo già sentita durante la notte ma ero riuscita a riaddormentarmi. Ha tirato un vento tremendo tutto il giorno e a tratti è uscito il sole. Io ho lavorato un po' per il progetto. Ufficialmente sono in vacanza tutta la settimana ma dal momento che alcune cose si devono fare le faccio, queste ore di lavoro le registrerò nei prossimi giorni, non le regalo certo al mio datore di lavoro :-). Nel pomeriggio siamo usciti per fare una passeggiata e scoprire nuove strade. Ho trovato un supermercatino con una buona offerta di prodotti bio, sembra che me la caverò anche qui a Maiorca :-).

Pioggia e vento del mercoledi!
Oggi, giovedi, ho cominciato la giornata andando a fare la spesa. Santo cielo! Faccio la spesa ogni giorno, anche più volte al giorno! In Svezia facevo la spesa il venerdi mentre il mio bello nuotava, cercarvo di farla per tutta la settimana e la maggior parte delle volte ci riuscivo. Ma qui abito in centro ed è cosi facile solo scendere e comprare...ma si perde una marea di tempo!

Nuvole e sole si sono alternate ma niente pioggia e così dopo pranzo sono uscita in bici per un giro da sola.

Oggi, in bici verso Pollenca
Poi ho continuato a sistemare scatoloni e cercare le cose che non trovo, non ho nessuna idea di dove ho messo la maggior parte delle cose che mi servono proprio in questo momento!!

E a voi come vanno le cose :-)?

6 commenti:

  1. Sole, pioggia, vento, ma poi di nuovo... sole!!! Questo è il bello della primavera mediterranea!
    Godetevela tutta!!!
    Poi sì, in ogni Paese, la burocrazia richiede... taaanta pazienza! Ma mi sembra che a voi non manchi!
    Buon... tutto! (-: Ili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me la pazienza sembra mancare, però non so come resisto. Le cose vanno a rilento e mi sono già "stufata" :-)

      Elimina
  2. Dai che bella la tua nuova avventura! Trekking, bici, negozio bio ed una meravigliosa terrazza vedo! S e ti può confortare io ho fatto trasloco da un mese e ho ancora scatoloni da disfare....e peggio ancora nella casa vecchia devo ancora finire di sgomberare..... buo week end. Quando ci fai vedere il mare?????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahh beh, allora sono stata più veloce io :-). Ho messo quasi tutto via! Il mare? Ci passo sempre nei miei giri in bici ma ancora non l'ho fotografato... la montagna mi piace più del mare .-) mi sa di averlo già scritto :-)

      Elimina
  3. Nonostante il megalavoro del trasloco, continuo ad invidiarti! Ho bisogno pure io di un cambio radicale, e tu mi sei di conforto perché vedendo che ce l'hai fatta, mi incoraggia... devo però capire quale sia la mia strada! Cosa non da poco!!! Ciao e buona continuazione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jampy resisti! Io ci ho messo un po' di anni a far avverare il mio cambiamento. Nel 2014 quando ho iniziato a scrivere su Nel sud del nord l'ho fatto perché avevo deciso che avrei lasciato la Svezia e ce l'ho fatta nel 2018! Ma è fatta! Ti auguro di trovare la tua strada!

      Elimina

Happy to read from you :-)