venerdì 25 maggio 2018

Non scopiazzare gli articoli che leggi in giro...

Ieri pomeriggio sono andata al mare. Quando il mio bello nuota cerco di non addormentarmi, mi metto a sedere (che sdraiati ci si addormenta facilmente :-)) e come sempre succede inizio a pensare.

Port d'Alcudia, Mallorca
A sedere, aspettando il mio bello che nuota, il 6 maggio 2018
Pensavo che io su quella spiaggia ci sono stata una marea di volte, quando ancora non era casa mia. Guardo le persone, non le vedo in realtà. Riconosco i turisti, alcuni di quelli che vengono in questo periodo fuggono dall'inverno appena passato, anticipano la primavera, cercano un assaggio dell'estate, lo so, sono stata una di loro. L'ho fatto per molti anni. Guardandoli mi domando se anche loro desiderebbero vivere in un posto più caldo come io ho desiderato o se per loro una settimana qui è sufficiente.

Tutti quegli anni in Svezia! Mercoledi quando tornavamo a casa dopo la conquista del Puig de Galileo io e il mio bello parlavamo proprio di questo, dei nostri anni in Svezia. Gli ho detto "pensa se tra un anno ci ritroviamo di nuovo in Svezia", mi ha guardato come per dire, ma sei pazza. Lui con la Svezia ha chiuso. Io sono stata lì 16 anni, lui molti di più. E non ci capacitiamo di come questo possa essere stato!

Arrivata a casa leggo il commento di Anonimo al post Un mese. Quello che Anonimo scrive è il titolo di questo post:

Non scopiazzare gli articoli che leggi in giro...

La mia risposta al commento:

???

Il mio blog parla di quello che faccio nelle mie giornate (come lo era quello che avevo quando vivevo in Svezia) e alcune volte dei miei pensieri. Quello che scopiazzo sono gli schemi dei lavori a maglia, e scopiazzare è il termine giusto perché non li copio completamente, apporto spesso delle modifiche e poi metto le istruzioni in modo che se qualcun altro vuole provare a scopiazzare può farlo. Scopiazzo ricette di cucina, e scopiazzare è il termine giusto perché le trovo spesso complicate e ne faccio una versione più semplice. Scopiazzo i percorsi di trekking, e scopiazzare è il termine giusto perché come avete capito spesso scegliamo percorsi alternativi. Scopiazzo foto, e scopiazzare è il termine giusto perché anche se qualcun altro ha già pubblicato foto di posti dove io sono stata e molti altri faranno lo stesso le foto che pubblico io sono in qualche modo differenti.

Dimmi Anonimo cosa vuoi dire con quel commento, cosa ho scopiazzato in quel post. I miei pensieri? Metti il link di chi ha scritto suppergiù la stessa cosa così magari trovo chi ha avuto gli stessi miei pensieri, chi ha fatto un percorso simile, chi crede che tutto o quasi sia possibile, chi è pronto a cambiare quello che non gli piace, chi sa prendere dei rischi e mettere la paura in secondo piano, chi della propria vita ne prende le redini, chi sceglie di cercare di essere felice. Oppure dimmi, forse hai semplicemente avuto una giornata no. E allora nessun problema. Le giornate storte capitano a tutti e sfogarsi in modo anonimo aiuta.

Abbi cura di te, sempre!

8 commenti:

  1. Ciao!
    Passo ora un po' di fretta, poi mi prendo il tempo di leggere un po' qui sopra...

    Magari lo scoprirò leggendo, ma mi incuriosisce la tua parte di vita in Svezia (tra l'altro, ci devo andare a breve, per lavoro).

    Io vivo da tutt'altra parte, altre problematiche, di sicuro un posto molto meno organizzato della Svezia... ma a sentire i miei colleghi lassù, gli Svedesi sono tutti da raccontare. Non che siano cattivi, eh, semplicemente di indole molto diversa dai popoli mediterranei.
    Di sicuro sanno il fatto loro, e fanno funzionare molto bene il loro paese.
    Però, per alcuni aspetti preferisco caratteri più aperti.
    Comunque, anche, ogni luogo e ogni popolo ha i suoi pregi e i suoi difetti, la perfezione, in terra, non esiste...

    Un saluto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Gli Svedesi sono tutti da raccontare" mi piace come espressione :-). Cattivi proprio no, se uno parla in generale (perché naturalmente ci sono anche quelli cattivi), molto diversi dai popoli mediterranei sì.

      Se vai lì per lavoro posso credere che avrai una bella impressione, se invece resterai lì per lavorare allora credo che la tua impressione cambierà. Il discorso è così complesso che non saprei neanche da dove cominciare. Come hai scritto tu la perfezione in terra non esiste e quell'idea di perfezione che la Svezia ha creato intorno e su di se naturalmemnte non racconta tutta la verità.

      In tutto questo diciamo che il clima certo non aiuta. E allora sai cosa, meglio un posto un po' più caldo anche se onestamento imperfetto nella sua realtà dove la gente è più accogliente e allegra.

      Elimina
  2. A brevissimo ti scopiazzerò io perchè ho voglia di andarmene a mare. Anzi ecco: farò una foto "storta" come la tua !!!

    Per quanto riguarda mister X: mah, è difficile dire, ma... "l'invidia è una brutta cosa"...
    Di sicuro è qualcuno che vive ogni singolo suo giorno come "giornata no".
    peggio per lui.
    (chissà perchè, secondo me è un "lui")

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahh vedi, ecco chi è che copia! Ora è così, al mare ci sono andata prima io e la foto storta l'ho pubblicata prima io per cui stai attento a quello che scrivi e metti sul tuo blog! Avvertito!! :-)

      A proposito di foto storta, allora forse sei tu! Mi ricordavo di aver letto in un blog, possibile che sia il tuo??, della linea di fondo della foto (se così si chiama) che deve essere dritta. Quando ho pubblicato questa foto ho pensato a quello, la linea delle montagne è storta, quella della spiaggia pure, ma le punte dei piedi mi sembrano alla stessa altezza per cui la foto si può definire dritta e l'ho pubblicata.

      Potrebbe essere un uomo, magari so anche chi :-). Però sono veramente curiosa di sapere cosa ho copiato e da chi. Ma poi non si capisce perché si è infastidito (vedi che mi riferisco ad un uomo). Dai, sarà stata una giornata no. Che anche io quando mi girano ne scriverei di tutti i colori in tutti i blog che mi capitano sotto gli occhi.

      Elimina
    2. No. La linea dell'orizzonte non "dev'essere" dritta. Non sta scritto da nessuna parte. Spesso e volentieri anzi la deformo io stesso apposta per rompere la monotonìa in certi tipi di foto. Si usa di solito un angolo di 30 gradi. 45 invece risulta disturbante per l'occhio.

      Un angolo troppo lieve fa invece pensare che la foto sia storta perchè hai tenuto la macchina storta. Si può correggere efficacemente con una griglia in un software di ritocco. Se vuoi farlo, beninteso.

      Francamente non ho capito nemmeno io cosa hai copiato: la filosofia del cambiare vita? Boh. Di blog di gente che cambia vita ne ho letti diversi: quello del "famoso" Simone Perotti, l'agricoltore Pecoranera, il blog di "Due Italiani in Svezia" ecc. -

      Cos'è? ci siamo tutti copiati a vicenda ?

      Hai messo tre punti interrogativi in risposta al tizio o alla tizia.
      Io ne avrei messi cinque.

      Elimina
    3. Ok, allora il post della linea dell'orizzonte dritta non lo hai scritto tu.

      Il blog "Due italiani in Svezia" lo avevo trovato. Gli altri non credo quindi li vado a cercare .-).

      Elimina
  3. Quanta stupidità ha certa gente,e poi perché non si firmano? Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche in rete si incontrano tutti i tipi di persone. Forse però sfogarsi in modo anonimo fa bene, così uno non combina qualcosa di peggio quando è nervoso :-).

      Elimina

Happy to read from you :-)